SERIE B. Questo è un Videoton da applausi: più forte di tutto

SERIE B. Questo è un Videoton da applausi: più forte di tutto

Condividi questo articolo

Assenze, infortuni, squalifiche, direzioni arbitrali sfavorevoli: il lavoro di mister Uccheddu, la preparazione atletica di Cè, qualità e determinazione dei rossoblù hanno portato a superare ogni difficoltà in una stagione in cui l’obiettivo salvezza è vicino.
Il 3-3 spettacolo con la Domus ne è l’ennesima prova

 

Un Videoton da applausi.

I rossoblù stanno disputando una stagione strepitosa al primo anno in Serie B.

Un campionato in cui l’obiettivo dichiarato è e resta la salvezza diretta: nonostante la posizione in classifica, per la certezza matematica mancano pochi punti, che i cremaschi vogliono conquistare non appena possibile.

Il 3° posto del Videoton farebbe sorridere chi non conoscesse l’ambiente rossoblù, da settembre concentrato sul raggiungimento dell’obiettivo stagionale, ma è proprio così.

Nessuna facile illusione e nessun volo pindarico dopo lo strepitoso girone d’andata, chiuso a brevissima distanza dalla capolista: la squadra e lo staff erano consapevoli delle difficoltà che sarebbero arrivate nel girone di ritorno.

Certo, molte di queste sono nate da eventi imprevedibili e circostanze avverse.

Alcuni infortuni traumatici hanno condizionato le rotazioni, ma soprattutto direzioni arbitrali quantomeno discutibili hanno privato il Videoton di molti elementi importanti senza soluzione di continuità. I rossi comminati a Peverini, Villa, Tosetti, senza considerare l’elogio della follia per il rosso a Porceddu hanno portato a squalifiche che avrebbero messo a tappeto molte squadre… Non il Videoton.

I cremaschi hanno avuto la forza di compattarsi ulteriormente in un momento in cui il flusso degli eventi ha costretto la squadra e lo staff a remare controvento.

Per risalire la corrente è sempre necessario il lavoro di un timoniere esperto e preparato, che sappia esaltare il valore dei singoli e lo spirito della ciurma: mister Fabio Uccheddu si è confermato allenatore di livello assoluto.
Non solo capace di plasmare il gruppo laureatosi campione in Serie C1 e di cavalcare l’entusiasmo della promozione in Serie B con un girone d’andata strepitoso, ma anche e soprattutto di superare le avversità di un momento delicato come quello vissuto dal Videoton. Il Boeing rossoblù avrebbe potuto precipitare in picchiata se non fosse stato guidato da Uccheddu, in grado di farlo planare e riaccendere i motori verso nuovi orizzonti.

La benzina l’ha messa Alessandro Cè: il preparatore atletico dei cremaschi ha sviluppato un lavoro accurato e personalizzato per i giocatori rossoblù, ognuno caratterizzato da dinamiche personali diverse a livello fisico-atletico e di recupero dagli infortuni. Con le numerose assenze, le rotazioni sono state necessariamente meno frequenti e caratterizzate da tempi di impieghi maggiori, ma il Vidi ha sempre brillato per tono, ritmo e condizione, soprattutto nei finali di gara. Non è mai facile trasmettere la cultura del lavoro ai ragazzi che scendono in campo, ma Cè… C’è riuscito: non è un caso che i giocatori squalificati si siano impegnati in sedute extra richieste di propria spontanea volontà.

Una squadra, quella del Vidi, che oltre ai nuovi innesti del mercato, si è arricchita in questa stagione con l’apporto degli Under: non semplici comparse, ma elementi inseriti con i giusti tempi e che sapranno prendersi la scena nei prossimi anni.
RrotaniUsberghiTaffurelli e Silvestro si sono fatti trovare pronti nelle ultime delicatissime gare: molto cresciuti tecnicamente e tatticamente, estremamente maturati a livello di consapevolezza e personalità.

Contributi importanti in campo con Fossano e Domus Bresso: il 3-3 pirotecnico con i milanesi passa anche dalle loro giocate. Ospiti avanti 0-1, ma recuperati dalla stoccata di Pagano, poi vanificata dall’1-2 Domus prima dell’intervallo.
Nella ripresa la gran discesa di Taffurelli ha permesso a Lopez di insaccare il 2-2, seguito però dal tris della Domus.
Ancora una volta il finale di gara è stato interamente di marca rossoblù: la mentalità di mister Uccheddu, la preparazione di Cè e la voglia dei ragazzi hanno permesso a Ghezzi di firmare il 3-3, sfiorando il colpaccio nel finale, se non fosse stato per il palo che ha fermato il libero di Pagano.

Ora un trittico di big match che ci diranno quale finale di stagione attenderà il Videoton Crema: gara sul campo dei Saints Pagnano, match alla Toffetti con l’Asti e trasferta a Cornaedo. Poi le due settimane di stop (pausa e festività pasquali) e Bergamo, Lecco e L84.

Ci sono articoli che ti rendono felice e orgoglioso di fare parte di una società e di un ambiente.
Questo è proprio uno di quelli.

Avanti tutta, Vidi!

 

Condividi questo articolo